street art milanese

Oggi ti porto con me a fare una passeggiata diversa dal solito, alla scoperta della street art milanese di NoLo, uno dei quartieri emergenti della città. NoLo sta per North of Loreto e si trova appunto a nord di Piazzale Loreto, nei pressi di Parco Trotter, tra via Padova e Viale Monza.

Scopri il quartiere di NoLo

street art milanese

Si tratta di un quartiere tanto interessante quanto difficile, continuamente in trasformazione e in cambiamento. Questa è una zona multiculturale: passeggiando per le sue vie ci si trova di fronte a botteghe e alimentari di tutti i tipi, dai panettieri egiziani alle pasticcerie cinesi, tra negozietti vintage e mercatini dell’usato.

Dicevo che è un quartiere in evoluzione, perchè c’è chi sta iniziando ad investire in questa zona, aprendo gallerie d’arte, show-room, concept store, co-working. Inoltre, sempre più studenti e giovani professionisti stanno scegliendo di vivere qui per i prezzi più convenienti e per l’atmosfera multiculturale e vagamente hipster.

NoLo è una zona abbastanza periferica, è vero, e con la fama di essere un’area “malfamata” di Milano. Ma le cose stanno pian piano cambiando e anche qui si trovano opere di bellezza urbana. Basta cercare e avere voglia di scoprire qualcosa di diverso.

Street art milanese: i murales di NoLo

Oltrepassiamo Parco Trotter e svoltiamo in Via Giovanni Pontano, stradina pedonale tra Viale Monza e Viale Padova, che costeggia la ferrovia sopraelevata e che fa parte del progetto del Comune di Milano “Muri Liberi”. Il progetto mette a disposizione circa 100 muri sparpagliati per la città, disponibili per gli artisti della street art. Per trovarli c’è anche la mappa ufficiale della street art milanese.

Via Pontano è una galleria d’arte a cielo aperto. Da tanti anni vede un via vai di artisti più o meno famosi, che lasciano il loro contributo con bellissimi e coloratissimi graffiti, a volte provocatori e spesso con richiami al mondo dei social. Non manca neanche un murales dedicato al Il Milanese Imbruttito, di Raptuz.

street art milanese
Sarita

Nel corso del tempo alcune opere vengono coperte e sostituite da altre (fa parte del gioco, giusto?) ma alcune rimangono nel cuore dei residenti e dei visitatori. Tra queste c’è l’opera Sarita di Sef 01 e Hadok. Sarita era diventata l’icona dell’identità multietnica di Via Padova, ma purtroppo il murales è stato coperto da un altro disegno. Peccato, perché era davvero bello e pieno di significato. Infatti non sono mancate nemmeno le polemiche da parte dei residenti di Via Padova. Questo a sottolineare quanto la street art, se fatta bene, è una vera e propria arte, che ti entra dentro, e lì ci rimane.

Ti è piaciuto il mio articolo sulla street art milanese di NoLo? Salvalo su Pinterest!

Già che ti trovi in questa zona a nord di Piazzale Loreto, ti consiglio di concederti una passeggiata o un giro in bicicletta lungo il Naviglio della Martesana.

Scritto da:

Melania Bresciani

Melania, classe '92, si è laureata in mediazione linguistica e culturale ma preferisce scrivere, redarre articoli e occuparsi dei contenuti sul web. Milanese d'adozione ma con il suo Lago d'Iseo nel cuore, ama in egual modo la vita cittadina e quella nella natura. Viaggia appena può, è innamorata dell'Asia, adora provare nuove cucine e trova sempre il posto per il dolce.